Gene Loves Jezebel + The Spiritual Bat @ Corallo (RE)

Venerdì 12 aprile 2013
Dalle 22.00 alle 4.00

Grotesque in collaborazione con Ascension Magazine Promotions e con il supporto speciale di Sepolcro Zero, presenta:

•GENE LOVES JEZEBEL Live al CORALLO !!!
http://www.genelovesjezebel.co.uk/
http://www.facebook.com/GeneLovesJezebelUK?fref=ts

UNICA DATA IN ITALIA!
Un' occasione da non perdere!

• JAY ASTON (voce e chitarra)
• JAMES STEVENSON (chitarra - CHELSEA, GENERATION X, THE ALARM, THE CULT… )
• PETER RIZZO (Basso)
• CHRIS BELL ( Batteria - SPEAR OF DESTINY, SPECIMEN, TOMSON TWINS, HUGH CORNWELL …)

Il concerto dei GENE LOVES JEZEBEL, sarà aperto dal gruppo italiano:
•THE SPIRITUAL BAT (Booking Wardance)
http://www.facebook.com/pages/The-Spiritual-Bat/128593959630
http://www.reverbnation.com/thespiritualbat

• GENE LOVES JEZEBEL

Originariamente chiamati Slav Aryan, i Gene Loves Jezebel sono stati formati all'inizio degli anni ottanta a Porthcawl (un paese sulla costa del Galles del sud) dai gemelli Jay e Michael Aston e dal chitarrista Ian Hudson.

Il loro primo 12” (intitolato “Shaving My Neck”) esce nel 1982 ed è presto seguito da altri due singoli: “Screaming For Emmalene” e “Bruises” (che raggiunge la settima posizione delle chart indie inglesi). Entrano a far parte della band la bassista Julianne Regan (che lascerà poi i Gene Loves Jezebel per formare gli All About Eve) e il batterista Dick Hawkins.

Nel 1983, esattamente trent'anni fa, esce il loro primo album "Promise". Il disco riscuote immediatamente un enorme successo un po’ ovunque. Trattasi di un post punk con influenze goth rock con alcune sfumature glam. I ritmi sono incalzanti e frenetici, semi-tribali, il tutto avvolto dalle voci dei due fratelli che donano all'album un'atmosfera inquieta, drammatica, nervosa, quasi pericolosa, ma allo stesso tempo ricca di fascino e seduzione. Le voci di Jay e di Michael si dimostrano capaci di rapire e incantare l'ascoltatore come i richiami melodiosi e fatali di alcune figure mitologiche. L'album, come auspicabile, raggiunge la top ten delle UK Indie Chart piazzandosi all’ottava posizione.

Tra il 1981 e il 1985 il gruppo subisce numerosi cambi di formazione. Nel 1984 si unisce ai Gene Loves Jezebel il bassista Peter Rizzo.

Nel 1985 esce quindi il secondo album, “Immigrant”. Anche questo album riscuote un grandissimo successo, raggiungendo addirittura la prima posizione delle classifiche indie britanniche. Produttore di “Immigrant” è uno dei migliori produttori discografici di sempre: John Leckie (conosciuto soprattutto per il suo lavoro con John Lennon, Pink Floyd, The Verve, The Fall e The Stone Roses – solo per citarne alcuni).

Durante il tour americano per la promozione di “Immigrant”, il membro fondatore Ian Hudson lascia la band e viene sostituito dal grande chitarrista James Stevenson (membro dei Generation X di Billy Idol ai tempi in cui fecero uscire il successo internazionale di “Dancing With Myself”). Oltre ai Generation X, James Stevenson è stato anche membro del gruppo punk dei Chelsea (che lo stesso Stevenson ha riformato nel 1999) e ha suonato con i Cult di Ian Astbury e Billy dal 1994 al 1995. James, che proprio in questo momento sta registrando il suo primo album solista, suona tuttora nei Gene Loves Jezebel, nei Chelsea e negli Alarm di Mike Peters.

Firmato un contratto con la Beggar’s Banquet, nel 1986 i Gene Loves Jezebel pubblicano il loro terzo album “Discover”, un lavoro indimenticabile che li consacra definitivamente in America. Il disco, questa volta prodotto dal grande Peter Walsh (Simple Minds, Peter Gabriel, The Church…) raggiunge la posizione n.32 nella UK Album Chart ed è distribuito negli Stati Uniti dalla Geffen Records.
Il brano "Desire" raggiunge il 4° posto nella UK Indie Chart, mentre “Sweetest Thing” e “Heartache” (gli atri due singoli estratti da “Discover”) raggiungono rispettivamente il 75° e il 71° posto.
Il concerto della band all'Universal Amphitheater di Los Angeles va sold out in soli 15 minuti… Rimane nella storia la performance alla Tower Records di New York, dove i Gene Love Jezebel detengono tuttora il record per la più grande affluenza di pubblico che si sia mai registrata in quello store (tant’è che la polizia fu costretta a chiudere Broadway).

Nel 1986 entra a far parte della band il grande batterista Chris Bell, ex membro degli Spear Of Destiny (con i quali registrò il loro mitico primo album “Grapes Of Wrath”) e dei Thompson Twins e con un trascorso anche negli Specimen. Chris è attualmente anche il batterista di Hugh Cornwell, storico cantante originale degli Stranglers.

Nel 1987, prodotto ancora da Peter Walsh, esce il quarto album in studio dei Gene Loves Jezebel, “The House Of Dolls”, che contiene tra le altre cose il loro singolo di maggior successo nel Regno Unito (“Motion Of Love”). Segue un tour con gli Echo and The Bunnymen e i New Order ed altri concerti nel Regno Unito e in Sud America.

A causa delle crescenti tensioni tra i due fratelli, Michael Aston abbandona la band nel 1989, lasciando il compito di continuare l’avventura a Jay Aston, Peter Rizzo, Chris Bell e James Stevenson. Il debutto live della nuova formazione a quattro elementi avviene quindi l’anno successivo, al Milton Keynes Bowl, come supporto a David Bowie.
Sempre nel 1990 i Gene Loves Jezebel pubblicano l’album “Kiss Of Life” da cui è tratto il singolo “Jealous” (no.1 nella classifica Alternative Rock americana). L’album, che fu inizialmente registrato a San Francisco insieme al produttore Paul Fox, è completato a Londra sotto la super-visione di Tim Palmer (già produttore di Tin Machine, The Mission e Pearl Jam). Segue un tour europeo di supporto a Billy Idol che culmina con due concerti all'Arena di Wembley poco prima di Natale.

Nel 1992 la band firma sfortunatamente un contratto con quella che era anche la casa discografica statunitense di David Bowie: la Savage Records. L’album inciso per la Savage Records con il batterista Robert Adams al posto di Chris Bell è “Heavenly Bodies”, disco prodotto nuovamente da Peter Walsh e che riscuote grandissimo successo soprattutto in Portogallo (dove i singoli di “Break The Chain”, “Josephina” e “Sweet Rain” entrano tutti nelle top ten) e in America Latina.
Nel bel mezzo del tour americano la Savage Records però fallisce e condanna il gruppo ad una pausa forzata.

Jay Aston registra intanto il suo primo album solista, "Unpopolar Songs", sul quale suonano anche James Stevenson, Craig Adams (The Mission, The Cult, Sisters Of Mercy) e Robert Adams.
Nel 1997 Michael Aston si riunisce ai Gene Loves Jezebel per registrare l’album “VII” ma, ancora una volta, le cose tra i due fratelli non funzionano come dovrebbe e Michael abbandona di nuovo la band nel bel mezzo del tour negli Stati Uniti.
Concluso il tour in America i Gene Loves Jezebel rientrano quindi in Gran Bretagna e completano l’album senza Michael. Sin dal primo ascolto, “VII” mostra la grande maturazione artistica di Jay Aston che, come accaduto per “Break The Chain”, porta il gruppo a pubblicare un altro singolo che rimarrà per diverse settimane al primo posto delle classifiche portoghesi. La canzone è la meravigliosa “Love Keeps Dragging Me Down".

Dopo il rilascio di "VII", nel 1997, quelli che sono stati definiti i "veri" Gene Loves Jezebel, continuano il tour negli Stati Uniti, in Sud America e in Europa, e nel 2002 pubblicano un doppio cd dal vivo (“Accept No Sostitute”) contenente tutti i grandi classici della band in versione live.

Nel dicembre 2003 i Gene Loves Jezebel fanno una tournée nel Regno Unito con gli Spear Of Destiny.

Nel 2005 la Beggars Banquet ristampa i primi tre album in studio ("Promise", Immigrant" e "Discover") sotto forma di doppi-cd con delle tracce aggiunte.

Gene Loves Jezebel e Spear Of Destiny sono di nuovo in tour alla fine di novembre del 2005 e fanno dei concerti insieme nel 2006 in Germania e Olanda.

2006: esce “Gene Loves Jezebel / Jay Aston - The Anthology” che raccoglie tutti i più grandi successi della band.
2008: tour in Brasile con gli Echo And The Bunnymen
2010: i Gene Loves Jezebel partecipano al prestigioso Wave Gotik Treffen di Lipsia in Germania e Jay Aston collabora (con Julianne Regan degli All About Eve e Jean Marc Lederman dei Front 242) all’incisione di una cover di “Moonlight Mile” dei Rolling Stones contenuta sull’acclamato "Small Distortion" dei La Femme Verte.

Un accordo legale è stato raggiunto tra i fratelli riguardo l'utilizzo del nome Gene Loves Jezebel: Michael Aston lo può utilizzare negli Stati Uniti, nel Regno Unito invece è conosciuto come Gene Michael Aston Loves Jezebel.
Jay, Peter, Chris Bell e Robert Adams sono conosciuti negli Stati Uniti con il nome di Gene Jay Aston Loves Jezebel e Gene Loves Jezebel nel Regno Unito.

La band nell'ottobre del 2011 è in tour con The Mission & Fields Of The Nephilim e suonano in Spagna, in Portogallo e al Brixton Academy di Londra.

Il 17 novembre 2011 Jay Aston e James Stevenson sono saliti sul palco del Brixton Academy di Londra insieme agli Smashing Pumpkins per eseguire il brano Stephen contenuto nell'album Immigrant.

Jay e Peter hanno finito di registrare un nuovo album come Ugly Buggs, un nuovo progetto parallelo molto interessante, sperano di far uscire il nuovo album nel mese di settembre.
http://www.facebook.com/pages/Ugly-Buggs/176693245677138

I Gene Loves Jezebel, nell'aprile del 2012 sono stati gli headliner al Festival di Whitby, (dove hanno esordito anche gli Ugly Buggs). Anche gli Spiritual Bat hanno suonato in questo prestigioso Festival.

• THE SPIRITUAL BAT

The Spiritual Bat, Dario Passamonti e Rosetta Garri’, e’ un’evoluzione di Spiritual BatS (plurale). Inizialmente, dopo la trasmutazione da Spiritual BatS ‘al singolare’, Dario e Rosetta intendevano pubblicare musica strumentale, come dimostra il demo strumentale Through The Shadows (2005), interamente registrato e mixato da Dario (Chitarra, Basso, Sintetizzatore) e Rosetta (Percussions and Programming). Tale demo fu addirittura masterizzato da Eric Hammer, ma ebbe una circolazione limitatissima. Il duo infatti desiderava fortemente la registrazione di una batteria acustica per l’album ufficiale Through The Shadows. Fu finalmente convocato il batterista Alessio Santoni per una session, e fu in quel periodo (2007/08) che Rosetta, gia’ batterista nel CD Sacrament della precedente incarnazione (1999), colta da improvvisa ispirazione, scrisse i testi ed incise le parti vocali dell’album, debuttando come cantante.

Spiritual BatS era un progetto del 1992, fondato da Dario Passamonti e Matteo Bracaglia. La loro prima pubblicazione fu l’omonimo vinile ep del 1993. Il progetto ebbe diverse formazioni, ma presentava sempre opere dei Pittori Alchimisti (gruppo di artisti di cui Dario fa parte e che avevano anche partecipato alla Biennale di Venezia del 1986, Sezione Arte e Alchimia), come pure loro installazioni e proiezioni durante le performance live.
Nel novembre 1994 gli Spiritual Bats ebbero il piacere e l’onore di aprire per Rozz Williams (Christian Death) e i suoi Daucus Karota al Black Out a Roma. L’album Confession fu registrato nel maggio 1995, immediatamente dopo un concerto al Velvet. La percussionista shamanica Rosetta era presente a quel concerto ed entro’ a farne parte dopo breve tempo. Il CD Sacrament fu registrato e pubblicato nel 1999, dopo il concerto al CB’s Gallery (Alchemy) di New York nell’agosto del 1998, dove era stato proiettato il video Funeral Cries. In aggiunta alle opere degli Alchimisti, Sacrament sfoggia orgogliosamente la grafica di Eric Hammer (Requiem In White, Mors Syphilitica, Weep), oggi noto come Doc Hammer (Venture Brothers). Nel 1999 il brano Crucifixion fu incluso nella compilation The Unquiet Grave I della storica etichetta CLEOPATRA. Nel 2004 Dario e Matteo decisero di procedere ognuno per la propria strada. Dario ha continuato a portare alla luce le sue visioni con Rosetta. Grazie all’incoraggiamento di alcuni fan e ad una promessa fatta all’amico e fonico Claudio Mura, scomparso improvvisamente nel 2008, i due, che precedentemente erano stati schivi nei confronti delle performance live, hanno deciso di iniziare a condividere la loro intima dimensione. Due tour negli Stati Uniti hanno avuto luogo nei due anni seguenti: il Through The Shadows Tour nel 2009 e il Lowlands Tour nel 2010 (con i Sullen Serenade, 26 date, 2 mesi, oltre 20.000 chilometri). Nel 2011 The Spiritual Bat firma un accordo con Danse Macabre Records/ALiVE per il rilascio del nuovo album Cruel Machine il 27 maggio. Per la prima volta la copertina viene affidata ad un artista al di fuori del gruppo degli Alchimisti, il visionario spagnolo Chatarrero Ciencuervos, del Circo Chatarrero (www.circocatarrero.com). Nel 2012 una speciale edizione Americana a tiratura limitata (formato 6″ x 9″, include un poster 8.5″ x 11″ ) viene pubblicata dall’etichetta di Filadelfia Industry8/Digital Ferret, seguita dall’estivo Cruel Machine US Tour 2012, oltre 20 tappe, on the road per due mesi, consolidando vecchie e nuove amicizie (musicali e non), nei circuiti dark americani, un viaggio in cui il duo acquista forza e presenza sul palco. Di ritorno in Italia, il duo riprende le prove con i live musicians, scoprendo pero’ che il nuovo bassista non puo’ prendere impegni per motivi personali. Il batterista Alessio Santoni, grande professionista che gia’ aveva collaborato su Through the Shadows e Cruel Machine, nonche’ amico di vecchia data conosciuto tramite il fonico Claudio Mura, continua con dedizione questo suo viaggio con The Spiritual Bat. Nel frattempo si annuncia la importante collaborazione con Motherdance (booking agency di artisti quali 45 Grave, Alien Sex Fiend, Faith and The Muse) sul territorio europeo e si conferma quella con l’italiana Wardance (booking che ha lavorato con Killing Joke, The Stranglers, Attrition, Frozen Autumn).

RECENSIONE CONCERTO (ESTRATTO) “[…] La front-woman Rosetta Garri e’ apparsa sul palco in abbigliamento tradizionalmente Goth, e avvolta in un velo bianco. Sembrava essere uscita da una fiaba. Il suo cospiratore e creatore degli Spiritual Bat, Dario Passamonti, ha atteso un momento prima di iniziare la sua spettrale intro di chitarra per “Once Upon a Time.” Il suono della sua chitarra e’ pareggiato solo dal suo misticismo. Quest’uomo e’ intenso. La voce di Garri’ e’ fra i suoni piu’ impressionanti che io abbia mai sentito. La sua abilita’ di entrare ed uscire da diversi registri vocali e’ spaventosa. Sembra avere tre personalita’ vocali: la sua voce cantata e angelica, la sua voce aspra, che fa pensare ad una strega cattiva e sensuale, e la sua voce punkeggiante, che amplia ancora la sua abilita’ di essere straordinaria su ogni canzone. [...] “ August 31, 2012 - Dallas, TX @ The Crown and Harp - Review by: Grant V. Ziegler
For full review go to http://coma-online.com/?p=17644


- Its like watching layers applied, a painting taking on a life of its own - Utterly delightful.
MICK MERCER

" - sulle ottime costruzioni musicali si adagia infatti lincredibile voce di Rosetta, che può ricordare vagamente quella della grande Monica Richards per timbro e stile, senza mai sfociare nellimitazione - "
ROSA SELVAGGIA

" - una ventata di freschezza che esplica la maturazione artistica del duo, pronto ad affrontare nuove sfide, a percorrere nuove strade creative, col coraggio di chi è consapevole dei propri mezzi, come confermato in Waltz. Twins e In the golden cage richiamano atmosfere americaneggianti (Requiem in White ed altri), altrove emergono riferimenti alla new-wave (Trance) - "
VER SACRUM

- se pensate che gli Scarlets Remains siano la migliore formazione deathrock con voce femminale uscita nellultimo lustro, bhè, non avete mai ascoltato gli Spiritual Bat -
ERBA DELLA STREGA

" - ispirata, oscura, pervasa da una sacralita' intensa - "
RITUAL


• Apertura ore: 22.00
• Inizio concerti ore: 22.30
• Attenzione, gli orari saranno rispettati.
• Ingresso: 15 Euro
Non serve nessun tipo di tessera.


• A seguire

• Sala 1: Serata Grotesque!
[ Post Punk, Dark Wave, Cold Wave, Deathrock, Gothic Rock, Punk…]
DJs
GIANFRANCO (Grotesque)
Special Guest: ALEX DEL DUCA (Sepolcro Zero)

• Sala 2: K-Rock
Rock, Glam, Hard Rock, Metal….


• CORALLO
Viale Della Rocca, 4/E
Scandiano (Reggio Emilia)

Wardance on social network

Music for pleasure its not music no more music to dance to music to move this is music to march to to dance the war dance
(Wardance – Killing Joke)
Close
ranktrackr.net