Autore Topic: [intervista]MariaRita Renatti  (Letto 1574 volte)

Offline Helbones

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 101
    • Mostra profilo
[intervista]MariaRita Renatti
« il: Novembre 23, 2015, 12:01:54 pm »
Bentrovata Maria Rita nel mondo di Wardance!Come consuetudine cominciamo l'intervista con una tua breve presentazione..cosa vuoi dirci di te?
Salve a tutti e grazie per avermi ospitata, 
Mi presenterò parlando del mio rapporto con l'arte, il mio sogno da sempre.
Ho iniziato ad avvicinarmi all'arte da piccolissima, i miei primi disegni erano copie di grandi dipinti gra cui Caravaggio, Goya , Rembrandt, i cui contenuti hanno sempre suscitato in me una miriade di emozioni, rappresentandoli prima a matita, coi pastelli , più tardi mi son avvicinata alla pittura ad olio e alla rappresentazione della natura morta. Il periodo successivo, quello in cui ho iniziato l'università è stato il periodo di ricerca più intenso..non riuscivo ancora ad esprimermi al meglio, ne seguiì un “buio creativo”,in cui decisi di allontanarmi per un po' dall'arte in generale, ed è stato proprio in quel periodo che  ho avuto modo di conoscere il Mio Maestro Aniello Scotto, che stimo molto anche come artista. Mi ha avvicinato al mondo dell'incisione, in particolare della Puntasecca su rame, una tecnica che ho amato fin da subito..con i chiaroscuri e i neri intensi che hanno racchiuso le storie che finalmente riuscivo a raccontare.

Quando e' iniziato il tuo percorso artistico e cosa ti ha piu' ispirato nel tuo lavoro?
Il mio percorso artistico parte, comunque, dalla ricerca e la scoperta di me stessa; ho iniziato con degli autoritratti, corpi nudi, ho iniziato con degli autoritratti, “Rinascita” la mia prima opera, a cui sono molto legata, mi sembrava un buon modo per iniziare un  nuovo percorso artistico.
Corpi che rientrano in se stessi, che fuoriescono da esso..attraverso le increspature della pelle e le ombre che si creano con le luci e far si che gli occhi di chi li guarda possa posarsi non sulle bellezze delle forme, ma entrando più in profondità dell’anima..come leggere i miei intimi pensieri.
 
Hai delle preferenze nei soggetti che ritrai ?E quali di questi ti rappresentano di piu'?
Come facilmente si evince dalle mie opere, i punti di riferimento,  sono essenzialmente riconducibili alla figura della donna, intesa quale genesi dell’umanità, sacrificio per la famiglia, rifugio sicuro. in particolare quelle di cui conosco una storia , Mia madre , Mia nonna... Non è stato facile convincerle a posare per me, son molte lontane dal mondo dell'arte e non  capivano la mia necessità di ritrarle, tutt'ora ho difficoltà a farmi capire,ma mi seguono ovunque e sono molto fortunata poiché hanno sempre supportato la mia passione.

Come descriveresti il tuo lavoro?Ovvero che tipo di messaggio o emozioni vorresti o credi di suscitare a chi osserva le tue opere?
Disegnare per me significa potermi distaccare dalla realtà, entrare, o meglio “rientrare” ogni volta nel mio universo; è un abbandonarsi a ciò che si è realmente: il momento preciso in cui riesco davvero ad utilizzare un linguaggio che, non solo esprime al meglio i miei pensieri, sensazioni, emozioni, ma mi permette di toccare con mano, e a fondo, il mio Io e lo estrinseca. Il dovere dell’artista, e quindi la funzione dell’arte, non dovrebbe essere solamente la riproduzione di ciò che è natura ma è affidare al proprio lavoro un linguaggio, quello che ci permette di emozionare al di là della perfezione dell’immagine, di emozionare anche solo con un semplice tratto, e la penna diviene per me lo strumento principale, quello che mi permette di creare , tratto dopo tratto, il mio personalissimo mondo interiore..racchiudere le “mie storie” in un fondo nero, così da concentrare lo sguardo di chi guarda , solo su “quella storia” riuscire ad emozionare è meraviglioso, lo è per me, quando incontro lo sguardo di chi guarda e si identifica con i miei soggetti. L'arte mi salva, ci salva tutti.

Concludiamo dicendo ai nostri lettori dove poterti trovare sul web e dal vivo!
https://www.facebook.com/Mariarita-Renatti-249184555220642/?pnref=lhc
https://mariaritarenatti.carbonmade.com/




« Ultima modifica: Novembre 23, 2015, 15:27:42 pm da Helbones »

Offline Monkeyruby

  • Newbie
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
Re:[intervista]MariaRita Renatti
« Risposta #1 il: Aprile 11, 2019, 05:11:04 am »
I have tried this method to use it. Can be used really.