Autore Topic: La Casa Delle Bambole - Ka-Tzetnik 135633  (Letto 9462 volte)

Offline absinthe^

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 226
  • Fütter mein Ego!
    • Mostra profilo
La Casa Delle Bambole - Ka-Tzetnik 135633
« il: Maggio 22, 2012, 15:12:39 pm »


la casa delle bambole o la joy division è la a denominazione delle baracche femminili dei campi di concentramento nazisti descritti in questo libro di memorie, opera di un’ex-detenuto nel lager di Auschwitz che si firmava Ka-Tzetnik 135633  ed edito nel 1955. Le donne che erano state imprigionate nell’area che portava questo famigerato nome erano utilizzate come prostitute e usate come puri e semplici oggetti sessuali dalle SS e dai soldati tedeschi che stazionavano nel lager. Il testo di una delle canzoni più note dei Joy Division (No love lost) contiene, infatti, un esplicito riferimento al libro.

Il racconto è basato sulle esperienze vissute da una fanciulla ebrea, quattordicenne, e si svolge dapprima nel ghetto di una piccola città polacca, poi in un campo di lavoro e quindi in un campo di prostituzione. La giovanissima Daniella avverte l'orrore di una situazione mostruosa e assurda: il suo corpo, insieme a quello di tante altre donne, deve diventare lo strumento di piacere delle SS mandate in licenza-premio al "campo della gioia" La crisi derivata dalle sofferenze morali e fisiche cui è sottoposta, conduce quasi inconsciamente Daniella a una decisione liberatoria. "Casa delle bambole" è l'eufemismo cui ricorrevano le prigioniere del vicino campo di lavoro, per indicare quelle "privilegiate" che ricevevano cibo in abbondanza, vivevano al riparo dei rigori invernali e potevano nutrire l'illusione di sopravvivere alla tragedia che incombeva su milioni di persone in Europa.
Dalla 4a di copertina


Lo scrittore Yehiel De-Nur aveva tre nomi: il primo nome era Yehiel Finer, con cui era nato nel 1917 a Sosnowiec, un villaggio della Polonia. Il secondo nome era Ka-Tzetnik 135633. K.Z. (Ka-tzet nella pronuncia tedesca), sono le iniziali di Konzentration Zenter (Campo di Concentramento). Ogni prigioniero di un K.Z. era soprannominato "Ka-tzetnik numero..." - il numero personale di matricola tatuato sul braccio sinistro. Il terzo nome fu Yehiel De Nur, quello che adottò quando andò in Israele (c'era una legge che obbligava ad ebraicizzare il proprio nome).

il libro risulta fuori catalogo. quindi conviene rvolgersi a venditori di libri usati


Through the wire screen, the eyes of those standing outside looked in at her as into the cage of some rare creature in a zoo.
In the hand of one of the assistants she saw the same instrument which they had that morning inserted deep into her body. She shuddered instinctively. No life at all in the house of dolls.
No love lost. No love lost.

(Joy Division : No Love Lost)




Offline dampyr_D

  • Global Moderator
  • *****
  • Post: 9442
    • Mostra profilo
    • Wardance
Re:La Casa Delle Bambole - Ka-Tzetnik 135633
« Risposta #1 il: Maggio 22, 2012, 16:05:47 pm »
 :good:
In God We Trust In Car We Rust

Credo però che l' avvento dei vari Facebook, Myspace, Twitter etc. abbia cambiato tutto.
Meglio, a mio avviso, per chi vuole stare veramente su un Forum, perchè almeno ci si leva di culo tutti (o quasi) gli egocentrici ed i narcisisti (cit Gianni Bukowsky)

Offline Fiioqqmk

  • Newbie
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
Re:La Casa Delle Bambole - Ka-Tzetnik 135633
« Risposta #2 il: Maggio 09, 2018, 08:58:14 am »
The next time, let me have a debate on the issues you brought up with this.